Home » Palazzo Sciarra Colonna di Carbognano

Palazzo Sciarra Colonna di Carbognano

da Itinerario istruttivo di Roma antica e moderna – Mariano Vasi – 1816

PALAZZO DI SCIARRA

La bell’architettura di questo palazzo è di Flaminio Ponzio, a riserva del portone, tutto di marmo bianco, che alcuni lo dicono d’Antonio Labacco, ed altri del Vignola. Nel secondo piano sono quattro grandi stanze, in cui si contiene una bella raccolta di quadri de’ più celebri dipintori, fra’ quali, nella prima, si trova la più bella copia, fatta da Mr. Valentino, del celebre quadro di Raffaello, rappresentante la Trasfigurazione di N. S. La seconda stanza contiene tutti i paesi di Mr. Botth. Nella terza si distingue un Mosè, di Guido Reni; la Deposizione della Croce, del Baroccio; e Noè ubbriaco, d’Andrea Sacchi. Nell’ultima stanza si distingue una S. Maria Maddalena, figura intera, di Guido; tre Ritratti, dipinti dal Tiziano, ed un S. Giacomo, del Guercino; una mezza figura della Maddalena, di Guido; i tre giucatori, del Caravaggio; la Vanità, e Modestia, di Leonardo da Vinci; due Evangelisti, del Guercino; la Decollazione di San. Giovanni Battista, di Giorgione; ed un ritratto dipinto egregiamente dal gran Raffaello.

Nel pianterreno si trovano tre stanze piene d’antiche sculture, di cui le più pregiate sono, un sarcofago, ornato d’un bassorilievo, rappresentante le Muse; una bella statua d’una Sacerdotessa : una di M. Aurelio; una bellissima di Settimio Severo, in bronzo; una Cerere; un Bacco giacente; tre belli busti colossali; cinque figure egizie; una statua d’Amazzone; ed una bella Diana.

Nella piazza di Sciarra terminava la via Lata, e principiava la via Flaminia, dove nel 1641, facendosi uno scavo, nella profondità di 23 palmi, si trovò l’antica selciata; ed incontro all’arco di comunicazione, detto di Carbognano, furono rinvenuti diversi pezzi di colonne, una lapide, appartenente a Claudio, ed una medaglia d’oro, in cui, da una parte era l’effiigie di quest’Imperatore, e dall’altra, un Arco colla sua figura equestre; ciocchè fa credere, che quivi era situato l’Arco di Claudio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *